Città metropolitana di Roma Capitale
MENU

Comune di Tivoli

G20, la visita della première dame Brigitte Macron a Villa d’Este e a Villa Adriana

Una visita inattesa e prestigiosa quella che la première dame francese Brigitte Macron ha voluto fare a Villa d’Este e a Villa Adriana domenica scorsa 31 ottobre, durante lo svolgimento, a Roma, del G20, il forum dei leader mondiali che vedeva, tra i partecipanti, anche il presidente della Francia Emmanuel Macron.

 

La première dame è arrivata a Tivoli intorno alle 15, accolta nella villa rinascimentale tiburtina con un grande mazzo di fiori dal direttore Andrea Bruciati, dal personale delle Villae e dalla vicesindaca di Tivoli Laura Di Giuseppe, che ha rivolto a Brigitte Macron i saluti dell’intera amministrazione tiburtina.

 

La première dame ha poi incominciato il suo percorso all’interno della villa, dichiarata patrimonio dell’umanità dell’Unesco nel 2001, dove ha visitato – sempre affiancata dal direttore Bruciati – tutti gli ambienti interni e il giardino, unico al mondo, con i suoi giochi d’acqua, le fontane, i ninfei, le grotte e le musiche idrauliche; mentre, all’interno, la signora Macron ha  ammirato le opere esposte nella mostra “Ecce homo”, gli affreschi, gli appartamenti e le sale. A Villa Adriana, dichiarata nel 1999 patrimonio dell’umanità Unesco e costruita tra il 118 e 138 d.C. dall’imperatore Adriano, Brigitte Macron ha potuto percorrere il verdeggiante parco, le strutture residenziali, terme, ninfei, padiglioni e giardini.

 

Per Brigitte Macron è stato un ritorno nelle Villae tiburtine, che aveva già visitato in passato e che ha voluto inserire nel suo programma di permanenza in Italia per poter approfondire i dettagli di cui sono straordinariamente ricche.

 

«La visita della première dame francese ci riempie di piacere», commenta la vicesindaca, che domenica le ha portato il benvenuto dell’amministrazione comunale di Tivoli, «ed è un onore che abbia scelto Tivoli e le sue bellezze, come Villa d’Este e Villa Adriana, che aveva già visitato in passato, per trascorrere alcune ore del suo weekend nel Paese: la conferma che Tivoli è città attrattiva per la sua storia e per i suoi monumenti e che merita di essere visitata più volte per essere conosciuta e vissuta a fondo. Nel breve colloquio che abbiamo avuto, la première dame ha ribadito il suo amore per l’Italia: ora l’aspettiamo per le sue future visite, accompagnata, ci auguriamo, anche dal presidente Macron».

 

«La visita di Brigitte Macron è stata un’occasione speciale per le Villae: la première dame ha espresso ammirazione e apprezzamento per la bellezza e per il pregio dei nostri siti e per l’accoglienza del personale», dice il direttore Bruciati. «È stata incuriosita dal nostro programma espositivo, visitando la mostra “Ecce homo”, in corso a Villa d’Este, e si è mostrata costantemente interessata e partecipe del racconto delle nostre Villae. Per l’istituto Brigitte Macron è stata un’ospite d’eccezione; grazie alla sua visita è possibile rinnovare gli storici sentimenti di amicizia tra Italia e Francia, rinverdire i fasti di Villa d’Este come sede di rappresentanza e riproporre l’invito ai turisti stranieri a fare esperienza del nostro patrimonio storico, artistico e architettonico».