MENU

Comune di Tivoli

Ics – Imposta comunale di soggiorno

L’Ics – Imposta comunale di soggiorno, di cui all’art. 4 del D.lgs. 23/2011, è applicata a carico delle persone che alloggiano nelle strutture ricettive di territori classificati come località turistica o città d’arte. È destinata a finanziare gli interventi, previsti nel bilancio di previsione del Comune, per il turismo, la manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali, nonché i servizi pubblici.

Quando si paga

L’imposta è dovuta da ogni soggetto, non residente nel Comune di Tivoli, per ogni pernottamento (ovvero a persona per notte) nelle strutture ricettive situate nel territorio del Comune di Tivoli. Per strutture ricettive si intendono tutte le strutture alberghiere ed extra-alberghiere che offrono alloggio. Rientrano fra queste a titolo esemplificativo e non esaustivo: alberghi, residenze turistico alberghiere, villaggi turistici, campeggi, agriturismi, ostelli, bed and breakfast, residence, case e appartamenti per vacanza, affittacamere, alloggi vacanze e case per ferie.

Il gestore della struttura, entro il 10° giorno successivo al trimestre di riferimento, deve:

  • dichiarare all’Ente le informazioni utili al calcolo dell’imposta attraverso apposito modulo.
  • Riscuotere l’imposta inserendo il relativo importo sul documento fiscale emesso indicandolo come “operazione fuori campo Iva”

L’imposta è dovuta da ciascuna persona per ogni notte di soggiorno fino ad un massimo di 6 pernottamenti consecutivi, fatta eccezione delle esenzioni e agevolazioni di cui l’articolo 5 del regolamento D.c.c. n. 12 del 22/03/2018

La dichiarazione va presentata anche se durante il periodo considerato non ci sono stati pernottamenti (indicando “zero” nel relativo campo).

Quanto si paga

La misura dell’imposta è determinata per persona e per pernottamento ed è graduata e commisurata con riferimento alla tipologia delle strutture ricettive definita dalla normativa regionale, che tiene conto delle caratteristiche e dei servizi offerti dalle medesime (ad esempio per gli alberghi e le residenze turistico alberghiere in rapporto alla loro classificazione in “stelle”).

Nel 2019 sono state approvate le seguenti tariffe:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come si paga

Bonifico Bancario alla Tesoreria Comunale, IBAN: IT 55A 03111 39450 000000012067  indicando nella causale “Imposta comunale di soggiorno” specificando il trimestre e l’anno. 

Modello 21 Conto di gestione

I gestori (proprietario, titolare/legale rappresentante) delle strutture ricettive o alloggi per uso turistico, relativamente alla riscossione dell’imposta di soggiorno, sono qualificabili come agenti contabili di fatto, in quanto soggetti aventi la disponibilità materiale (cd. “maneggio”) di denaro e du beni di pertinenza pubblica.

L’ agente contabile è sottoposto al controllo giurisdizionale della Corte dei Conti ed è tenuto a rendere il conto della propria gestione (ai sensi del D.Lgs. 267/2000 art. 93). A tal fine, i gestori delle strutture ricettive, quali agenti contabili, devono trasmettere al Comune, entro il 30 gennaio di ogni anno, il conto della gestione relativo all’anno precedente, redatto su apposito modello ministeriale approvato con D.P.R. 194/1996 (Modello 21 – Conto di gestione).

Il Comune, entro 60 giorni all’approvazione del rendiconto, deve, a sua volta, inviare il conto degli agenti contabili alla Corte dei Conti.

Scadenza di presentazione entro il 30 Gennaio di ogni anno, con riferimento a quello precedente.

Ufficio comunale di riferimento

Settore II – Ufficio Tributi

Responsabile del servizio: Daniele Centani
via della missione 60, 00019 Tivoli
telefono: 0774 453213
email: d.centani@comune.tivoli.rm.it

Orari: il martedì e il giovedì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 17

Altri recapiti dell’ufficio:

Sallesi Rita  0774 453250

Modulistica

Normativa di riferimento

Imposta soggiorno